MENU
pescetarianismo

Ottobre 27, 2016 Commenti disabilitati su Pescetarianismo…conoscete questa dieta? Views: 1017 Alimentazione, Curiosità

Pescetarianismo…conoscete questa dieta?

Sono sempre più numerose le diete che focalizzano solo su un alimento o su un genere. Tra le ultime mode c’è il pescetarianismo. In realtà il pescetarianismo non è una novità assoluta, sono già diversi anni che gli amanti del solo pesce difendono il loro regime alimentare. Oggi però si contano più di un milione i pescetariani americani e un’impennata di questa dieta anche in Europa e nel Regno Unito.

 In che cosa consiste? È una dieta che esclude la carne animale fatta eccezione per quella di pesce e frutti di mare. Diciamo che è una versione light del vegetariano; non per nulla alcuni nutrizionisti parlano di regime semi-vegetariano.

Nasce, inizialmente, non con fini etici ma per proteggere la salute, minacciata da livelli di colesterolo elevato e dal tumore, a causa dei grassi animali, e poi per dare al corpo il giusto apporto di acidi grassi omega-3. Janis Jibrin, autore di The Pescetarian Plan, ha commentato: “Può essere in stile dieta mediterranea, ma potrebbe semplicemente essere, una dieta pescetariana basata su tipica alimentazione nordica o giapponese. Si tratta di un modo estremamente flessibile di mangiare. Inoltre, la maggior parte dei pescetariani, come i vegetariani, inseriscono prodotti sia lattiero-caseari che uova nella loro dieta.”

Uno dei componenti chiave di promozione della salute di una dieta pescetariana sono gli acidi grassi Omega-3 a catena lunga presenti nel pesce. Ci sono molti studi epidemiologici che dimostrano che un maggior numero di pesce e di acidi grassi Omega3 è associato ad un minor rischio di malattie cardiache.

Con la sua attenzione sugli alimenti a base vegetale, il pescetarianismo fornisce una parte potente di vitamine, minerali, sostanze fitochimiche, a fibre grassi salutari. L’aggiunta di pesce e frutti di mare non solo aumenta l’assunzione di acidi grassi a lunga catena Omega-3 salutari per il cuore, ma aumenta anche la varietà di proteine magre disponibili.

Comments are closed.